Polittico di Francesco di Antonio Zacchi detto il “Balletta”

Sabato 23 febbraio 2019  il Polittico completamente restaurato, è stato con grande delicatezza spostato dalla Sagrestia e rimontato sulla parete del secondo altare a sinistra,  le varie tavole dove sono dipinte la Madonna con Bambino in trono, Santa Rosa, Santa Caterina d’Alessandria, Madonna della Misericordia, Angelo annunciante, Maria Vergine annunciata, i Santi, Cristo in pietà tra la Madonna e San Giovanni Evangelista, sono state assemblate con grande professionalità dai responsabili dalla Soprintendenza per l’Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale.

POLITTICO DI SANTA ROSA (1450-1462 ca.)

Dal “naufragio della pittura viterbese del 400”, metafora scelta da Italo Faldi per indicare quanto poco ci sia rimasto di questo periodo, si sono salvate alcune preziose opere, come questo polittico di Francesco di Antonio Zacchi, detto il “Balletta”, che illustra molto bene lo stile influenzato dell’arte senese del pittore viterbese. Alla metà del secolo Balletta ha ancora un linguaggio intriso di raffinatezze e ricercati dettagli tipici del gotico cortese. E’ sufficiente portare l’attenzione sui velluti operati a motivi floreali degli abiti di Santa Rosa e della Madonna della Misericordia o alle ciglia delle giovani sante per rendersi conto della raffinatezza e abilità di questo pittore. L’artista si firma nell’iscrizione che corre in basso sotto la Madonna in trono, ma senza riportare la data di esecuzione: hoc opus pinsit franciscus anthonii de viterbio ( tras. Di G.Capriotti). E’ grazie ad altri elementi che si riesce a collocare il polittico in un arco temporale abbastanza preciso: dopo il giubileo del 1450 e prima del 1462, quando in una memoria dei lavori compiuti nel monastero sono ricordati i pagamenti al pittore per il grande polittico, destinato all’altare maggiore della chiesa. La tavola centrale presenta una solenne Madonna assisa su un bel trono. A differenza di quelli in marmi policromi dipinti dal Balletta in altre occasioni, come a Sant’Eutizio a Carbognano, qui vediamo un trono ligneo con due vispi leoncini, che sembrano essere vivi. Si tratta, infatti di una traduzione in pittura del trono di Salomone in legno di cedro del Libano secondo la descrizione del Cantico dei Cantici (3,9-10) e con due leoni come ricordato nel libro dei Re (10, 18-20). La Madonna è affiancata da Santa Caterina con una palma del martirio e da Rosa che, per la ricchezza e raffinatezza conferitale dal pittore, coronata di rose, diventa una principessa al pari della vicina Santa Caterina. Maria ritorna più in alto due volte: nelle vesti della Madonna della Misericordia che col manto protegge tutta la comunità ( le donne a sinistra e gli uomini sulla destra, i religiosi e i laici, i poveri e i ricchi) e nell’Annunciazione ad indicare il momento dell’incarnazione nel quale ha iniziato la funzione salvifica che si compie attraverso di lei.